martedì 19 gennaio 2010

...PAUSA...

Conoscete anche voi quei giorni che si prospettano negativi dalle 6 e 30, ora in cui vi siete alzati, fino all'ora in cui andrete a dormire e conoscete il momento in cui il latte caldo appena pronto per la vostra colazione, cade a terra e scatena il presagio funesto, nemmeno fosse sale.
Conoscete quelle brutte sensazioni che sembrano lasciare l'amaro in bocca e sembrano rendervi la pelle secca come se foste invecchiati in un secondo. Il vostro passato si fissa davanti agli occhi e acquista il valore di altre 20 vite.
E' quella sensazione, che di notte ti imprigiona fra le coperte come un feto e che ti avvinghia alla persona che dorme insieme a te per non permettergli di muoversi che mi fa mancare l'aria.
In quei giorni, dove sopra qualsiasi cosa regna quella sensazione, tutto quello che ti dicono è sempre pessimo, tutto quello che fai è sempre orrendo e hai il sentore che banalmente qualcosa andrà male.
E' come un cerchio alla testa,
pesante e umida come nebbia, quella sensazione ti entra dentro fino a corrompere tutto il tuo corpo e tu, in quel mondo di ovatta in cui annaspi, aspetti che quel qualcosa di male avvenga, o più semplicemente aspetti che...passi...

12 commenti:

  1. Ho presente il tipo di giornata, e mi sono rassegnato anch'io al fatto di dover aspettare che passi.

    RispondiElimina
  2. già, poi passa, io sai cosa faccio? faccio finta di niente ;) così va via sentendosi non cosiderata, quella brutta sensazione ;)

    RispondiElimina
  3. Quei giorni non capitano così per caso... c'è qualcosa di irrisolto? c'è insoddisfazione? Son giorni in cui stai sulla difensiva, giorni in cui senti di non volerti poi così bene. Giorni in cui ti senti inerme e percepisci il vivere come un dovere, e non un diritto.
    Giorni che mi son lasciato alle spalle, e spero, che un giorno questo capiti anche a te.. vorrei dirti come ho fatto, ma non lo farò. Credo sia giusto che ognuno imposti la sua vita da sè, è l'unico modo per sentirla veramente tua.
    Gran bel post ;)

    RispondiElimina
  4. In quei giorni lì vorrei semplicemente (ri)nascere, abbandonare il nero della mente, tornare a guardare il mondo con gli occhi di un bambino, o di uno stupido.

    Un saluto,

    7

    RispondiElimina
  5. Béh qualcosa di male é successo qualcosa che mi ha fatto incazzare come una bestia!!!
    Quando ci si incazza così ci si chiede se questo mondo di merda esiste davvero o é solo schizofrenia collettiva...

    RispondiElimina
  6. Aspetto che passi, che in quei momenti mi sento impotente nei confronti del mondo.

    RispondiElimina
  7. Beh, su questo è meglio che non mi esprimo. Ti dico solo che conosco la sensazione e spero che ti passi. Forse l'unico rimedio è fare una bella chiacchierata e poi una passeggiata con la persona che stringi a te la notte, fa stare un pò meglio di solito :)

    RispondiElimina
  8. Beh la sensazione é passata ma, in questi giorni di assenza ho avuto il tempo di beccarmi l'influenza, vedere la mia fede che vacilla, soffrire fisicamente come poche volte mi è capitato (e vi assicuro che c'è stata un episodio davvero davvero brutto) e stare per 4 giorni immobile a letto a rivedermi la trilogia del signore degli anelli!
    Che schifo...

    RispondiElimina
  9. spero passi tutto presto!
    un sorriso

    RispondiElimina
  10. Spero sia passata anche l'influenza.
    Qua va e viene. Entra ed esce da me come se si stesse divertendo a farlo. Io non mi diverto affatto.

    RispondiElimina
  11. Oh nemmeno io non mi diverto nemmeno un po'!
    Comunque da questo pianeta le cose vanno meglio...per fortuna!
    Spero vadano meglio anche dalle tue parti.

    RispondiElimina
  12. Un abbraccio con tante sfumature colorate :)
    Bacetti

    RispondiElimina